Mercati, Fmi: “Bandire le crypto non è efficace nel lungo termine”

Il Fondo Monetario Internazionale (Fmi) ha sostenuto attivamente la regolamentazione delle criptovalute in alcuni Paesi, sottolineando la necessità di un approccio cauto e strategico.

Pur riconoscendo i rischi associati agli asset digitali, il Fondo Monetario Internazionale sostiene, nel dettaglio, che un divieto assoluto potrebbe non essere la soluzione più efficace. L’organizzazione suggerisce invece di concentrarsi sulle cause della domanda di criptovalute e di migliorare la trasparenza, come riportato da Cryptonomist.ch.

In un recente rapporto sull’America Latina e i Caraibi, l’Fmi ha evidenziato gli sforzi della regione nell’adozione delle criptovalute e delle valute digitali delle banche centrali (CBDC) come potenziali vie per l’inclusione finanziaria e il miglioramento dei sistemi di pagamento.

Diversi Paesi dell’America Latina e dei Caraibi sono stati all’avanguardia nell’adozione delle criptovalute. El Salvador, ad esempio, ha fatto la storia nel settembre 2021 diventando il primo Paese ad accettare il Bitcoin come moneta legale.

Anche le Bahamas hanno introdotto il proprio CBDC, il Sand Dollar, nell’ottobre 2020, dando l’esempio ad altre nazioni della regione. Il rapporto del IMF identifica Brasile, Argentina, Colombia ed Ecuador come Paesi in cui la regolamentazione delle criptovalute è ancora in corso.

Questi Paesi hanno riconosciuto i potenziali vantaggi degli asset digitali, come la facilitazione dei servizi finanziari per la popolazione non bancarizzata e la possibilità di effettuare pagamenti più rapidi ed economici.

l Fondo Monetario Internazionale riconosce che, se ben progettate, le CBDC possono migliorare l’usabilità, la resilienza e l’efficienza dei sistemi di pagamento, promuovendo al contempo l’inclusione finanziaria in America Latina e nei Caraibi.

Sfruttando la tecnologia blockchain e le valute digitali emesse dalle banche centrali, i Paesi possono migliorare l’accessibilità dei servizi finanziari e ridurre i costi associati ai metodi di pagamento tradizionali.

Le CBDC offrono il potenziale per transazioni più rapide e sicure, in particolare per gli individui che hanno un accesso limitato alle infrastrutture bancarie.

Inoltre, le caratteristiche di trasparenza e tracciabilità della blockchain possono migliorare l’efficacia degli sforzi antiriciclaggio e di contrasto al finanziamento del terrorismo.

Il FMI mette in guardia dal vietare completamente gli asset crittografici, affermando che un approccio di questo tipo potrebbe non produrre i risultati desiderati a lungo termine.

L’organizzazione suggerisce invece di affrontare i fattori alla base della domanda di criptovalute e di migliorare la trasparenza del settore.

Comprendendo le esigenze di pagamento digitale non soddisfatte dai cittadini, i governi possono lavorare per fornire servizi finanziari più inclusivi ed efficienti.

Inoltre, la registrazione delle transazioni di criptovalute nelle statistiche nazionali può contribuire a migliorare la trasparenza e a monitorare l’impatto delle valute digitali sull’economia.

La posizione del IMF sulla regolamentazione delle criptovalute è stata criticata da più parti, in particolare all’interno dello spazio delle criptovalute.

Tobias Adrian, direttore del dipartimento monetario e dei mercati dei capitali del IFM, ha recentemente proposto un sistema di pagamento che utilizza un unico libro mastro per registrare le transazioni delle criptovalute.

L’idea ha suscitato le reazioni degli appassionati di criptovalute e dei sostenitori della decentralizzazione, che sostengono che un libro mastro centralizzato contraddice i principi fondamentali della tecnologia blockchain.

Le critiche evidenziano il dibattito in corso sul quadro normativo ottimale per le criptovalute e sull’equilibrio tra innovazione e stabilità.

Le proposte del Fondo Monetario Internazionale

La proposta del IMF di un sistema di pagamento CBDC a libro mastro unico ha scatenato un dibattito controverso all’interno della comunità delle criptovalute.

I critici sostengono che un libro mastro centralizzato contraddice la natura decentralizzata della tecnologia blockchain, che è uno dei principi fondamentali alla base delle criptovalute.

Essi ritengono che il suggerimento del IMF comprometta i valori fondamentali di trasparenza, sicurezza e resistenza alla censura che hanno reso le criptovalute popolari tra gli appassionati.

Tuttavia, è importante riconoscere che la proposta del Fondo Internazionale Monetario nasce da una prospettiva incentrata sulla stabilità finanziaria e sulla supervisione normativa.

I libri mastri centralizzati possono fornire alle autorità maggiori capacità di controllo e monitoraggio, che sono spesso considerate garanzie necessarie per prevenire attività illecite come il riciclaggio di denaro, il finanziamento del terrorismo e l’evasione fiscale.

Trovare un equilibrio tra innovazione e regolamentazione è fondamentale per garantire che le criptovalute possano prosperare all’interno di un quadro giuridico che attenui i rischi e protegga i consumatori.

Anche l’enfasi posta sul miglioramento della trasparenza nel settore delle criptovalute è significativa.

Registrando le transazioni di criptovalute nelle statistiche nazionali, i governi possono comprendere meglio l’impatto economico delle valute digitali e sviluppare politiche più efficaci.

Una rendicontazione trasparente può aiutare a identificare le tendenze, a valutare i rischi e a guidare le decisioni normative. Inoltre, può favorire la fiducia degli investitori e del pubblico in generale, essenziale per una più ampia adozione delle criptovalute.

L’approccio sostenuto dalla FISM è in linea con l’evoluzione del panorama normativo osservato in vari Paesi.

Mentre alcune nazioni hanno scelto di vietare del tutto le criptovalute, molte altre hanno adottato un approccio più sfumato, implementando regolamenti che mirano a bilanciare innovazione e protezione dei consumatori.

Questi quadri normativi spesso prevedono requisiti di licenza per gli scambi di criptovalute, norme antiriciclaggio e di conoscenza dei clienti (AML/KYC) e linee guida sulla tassazione.

È importante notare che la posizione del IMFI sulla regolamentazione delle criptovalute non è statica, ma si evolve con il progredire della tecnologia e del suo impatto sulle economie.

L’organizzazione riconosce il potenziale delle criptovalute e della tecnologia blockchain nel guidare l’innovazione e migliorare i servizi finanziari. Tuttavia, sottolinea anche la necessità di quadri normativi che attenuino i rischi e garantiscano la sicurezza.

In conclusione, la posizione del Fondo Monetario Internazionale sulla regolamentazione delle criptovalute invita i Paesi ad adottare un approccio cauto e strategico.

Pur riconoscendo i potenziali benefici degli asset digitali e dei CBDC, il IMF mette in guardia da un divieto assoluto e incoraggia invece ad affrontare i fattori alla base della domanda di criptovalute e a migliorare la trasparenza.

Trovare il giusto equilibrio tra regolamentazione e innovazione è essenziale per sfruttare il potenziale delle criptovalute, garantendo al contempo la stabilità finanziaria e la protezione dei consumatori.

Mentre il panorama delle criptovalute continua a evolversi, è fondamentale che i politici, le autorità di regolamentazione e gli operatori del settore si impegnino in un dialogo costruttivo per sviluppare quadri solidi che promuovano l’innovazione e salvaguardino gli interessi di tutte le parti interessate.